Menu' di navigazione: sei nella Domus (homepage) > oggi in evidenza (to share)
Mart, 20 dicembre 2016

Direttiva Bolkenstein e stabilimenti balneari (2006/123/CE)

Logo del Ministero dell'Ambiente

3rd International Conference on Contaminated Sites Remediation
III Conferenza Internazionale sulle bonifiche dei siti contaminati

DOWNLOAD THE FLYER OF BOSICON 2012 from AIDIC (from official site: http://www.aidic.it/bosicon/flyer.pdf).

Locandina ufficiale del Convegno

Logo del Ministero dell'Ambiente

Prof. Avv. Paolo Dell'Anno
Consigliere Giuridico del Ministro dell'Ambiente

Magnifico Rettore, Autorità, gentili Ospiti partecipanti, Vi esprimo il saluto e l’augurio del Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, il quale attende con interesse e attenzione i contributi scientifici e tecnici che verranno da questo Convegno internazionale sulle bonifiche dei siti contaminati. L’Italia si è da tempo dotata di una legislazione in tema di bonifiche molto rigorosa, che adotta limiti specifici alla contaminazione dei suoli e delle acque sotterranee, il cui superamento comporta interventi di prevenzione, messa in sicurezza, bonifica, riparazione del danno ambientale, sotto la direzione attenta dell’autorità amministrativa. Il collegamento con la disciplina comunitaria per il risarcimento del danno ambientale è stato di recente precisato dalla legge, assegnando alle operazioni di bonifica la prevalente funzione della prevenzione e della tutela dei rischi sanitari, mentre la riparazione del danno ambientale ed il ripristino è assegnato alla disciplina del danno ambientale. Purtroppo l’Unione Europea non ha ritenuto di dotare i Paesi membri di una specifica normativa sulla gestione e la tutela del suolo, che includesse anche la bonifica dei siti contaminati. Assistiamo così a discipline differenziate tra i Paesi membri che potrebbero alterare le condizioni di concorrenza tra le imprese nello spazio unico europeo. È anche da considerare che la normativa italiana era sorta in origine per contrastare fenomeni di inquinamento repentino, anche occasionali, aventi origine da incidenti, sversamenti di liquidi e combustibili, mala gestione di materiali, prodotti o rifiuti. Quasi subito, invece, l’attenzione delle pubbliche autorità si è concentrata sulle contaminazioni “storiche”, cioè risalenti a volte a molte decine di anni, ma tuttora pericolose per la salute e per l’ambiente, a volte con attività produttiva del tutto cessata, o sostituita da altre lavorazioni...

Logo dell'Environmental Protection Agency of USA

Lara P. Phelps
Senior Advisor U.S. Environmental Protection Agency

Cliccare sull'icona per visualizzare la relazione (ppt), coperta da copyright. Per l'utilizzo in tutto o in parte, citare la fonte e l'autore. Grazie (link interno: http://www.paolodellanno.it/elearning/BOSICON2012-Phelps090612.pptx).

Anteprima della presentazione ppt